Iscriviti Richiedi Info
Cloud

Workshop

Oltre alla già formativa degustazione ai banchi di assaggio... ancora 5 occasioni di apprendimento.
Tornano, a grande richiesta, i laboratori del gusto! In cattedra, i protagonisti del mondo del vino e della gastronomia, produttori capaci di trasformare sapienza e filosofia in capolavori enogastronomici di altissimo livello, disponibili, in esclusiva per In Villa Veritas, a svelare i segreti della loro arte!

I workshop sono a numero chiuso.

Acquista online il tuo posto al workshop.

Acquista Online

Il biglietto dei workshop non comprende l'accesso alla manifestazione.
È necessario quindi munirsi del biglietto d'ingresso che va acquistato separatamente.
I partecipanti dovranno presentarsi all'Info Point 15 minuti prima dell'inizio
per essere accompagnati alla sala riservata. La durata dei workshop è di un'ora ciascuno.
Il laboratorio ALOIS LAGEDER: CANTINA BIO & DINAMICA durerà circa un'ora e mezza.

  • De la Tour:
    il sauvignon dalle nobili origini

    Costo: 15€

    Vini in degustazione:

    • Sauvignon De La Tour 2011
    • Sauvignon De La Tour 2009
    • Sauvignon De La Tour 2008
    • Sauvignon De La Tour 2007

    Verso la fine del 1800 il conte francese Theodor De La Tour era riuscito ad affermare il marchio di Villa Russiz oltre i confini regionali, fino alle tavole dello zar. Ma sicuramente non avrebbe immaginato che, a distanza di oltre cento anni, quel suo peculiare Sauvignon sarebbe stato protagonista di uno dei laboratori di In Villa Veritas! Siamo certi che la storia della Fondazione Villa Russiz ti emozionerà e consigliamo di non lasciarti sfuggire questa imperdibile degustazione che aprirà i tuoi orizzonti sull’evoluzione dei vini bianchi con inaspettate sorprese.

    A seguire Leone Zuanon patron dell’azienda Prosciutto Point, noto affinatore di prosciutti di San Daniele ed esperto disossatore, armato di morsa ed affilati coltelli, nonché di pratica e maestria, ti svelerà tutti i segreti e le tecniche per pulire e tagliare a regola d’arte un bel coscio di prosciutto crudo che sarà infine degustato con i Sauvignon De La Tour, naturalmente!

  • Il Vernaccia di Oristano:
    maschile e “singolare”

    Costo: 15€

    Vini in degustazione:

    • Vernaccia di Oristano 2005
    • Vernaccia di Oristano 1996
    • Vernaccia di Oristano 1984
    • Vernaccia di Oristano 1970

    Occasioni come questa capitano poche volte nella vita! Un'emozionante verticale, condotta da Alessandro Contini, tutta dedicata al Vernaccia di Oristano, vino aristocratico e misterioso, senza regole e senza tempo, con quell’aroma caratteristico che ti conquista e ti fa sognare. La sua indomabile natura non accetta le prestabilite regole di cantina e non parla il linguaggio enologico convenzionale. Proprio per questo rimane un vino unico al mondo, che ci racconta delle sue origini antichissime e della Sardegna, terra dalla cultura ricca di tradizioni arcaiche.

    Per ricreare i deliziosi profumi isolani, il laboratorio si concluderà con una ricetta studiata per l’occasione da Osteria Trequarti, caratteristico locale del centro storico di Padova, “rinato dalle ceneri” di un vecchio american snack bar nella primavera del 2012, dove cucina veneta e alcune ricette sarde incontrano buone bottiglie.

    Vernaccia di Oristano e “saor di muggine, zucca e carasau al mirto” vi faranno vivere la meravigliosa atmosfera sarda!

  • Olio double face

    Costo: 10€

    Degustazione sensoriale e comparativa con:

    • Olio Extra Vergine di Oliva “Oiu de s’ciappa” Affiorato Dinoabbo
    • Olio Extra Vergine di Oliva “46° Parallelo” Agraria Riva del Garda
    • Olio Extra Vergine di Oliva “Primo D.O.P.” Frantoi Cutrera

    Immancabile sulle nostre tavole, nella cucina italiana ha un ruolo di primo piano, fa parte della nostra cultura: è l’Olio di Oliva. Ma siamo certi di conoscerlo bene? Sarebbe un alimento semplice e naturale, ma spesso dietro l’etichetta si celano l’inganno ed il pericolo per la salute. L’Italia è il paese del Mediterraneo che ospita la maggiore varietà di ulivi, dove la cultura dell’olio è così antica che risale ai tempi di Omero. Eppure questo alimento, vecchio come il mondo, è anche uno dei più contraffatti.

    Sarà un onore ospitare la dott.ssa Orietta Pavan, Capo Panel dell’AIPO, la più importante associazione del Triveneto composta da 5000 produttori d’extravergine, che vi condurrà per mano nel sublime mondo dell’olio ma saprà anche svelarvene il lato oscuro. Un laboratorio “inedito” per In Villa Veritas che saprà modificare il vostro atteggiamento da consumatori non sufficientemente educati ad acquirenti consapevoli e preparati.

  • L’anticamera del paradiso

    Costo: 25€

    Distillati in degustazione:

    • Cognac Lheraud Grande Champagne brut de fut 1976
    • Cognac Lheraud Grande Champagne brut de fut 1914
    • Bas Armagnac Baron Legrand 1970
    • Bas Armagnac Baron Legrand 1960
    • Bas Armagnac Baron Legrand 1941

    Per ogni cittadino francese il termine “paradis” non indica solamente il luogo celestiale al quale l’anima aspira, ma anche quella piccola cantina, oscura e silenziosa, difesa da robuste cancellate, che conserva gelosamente leggendarie riserve di Cognac o vecchissimi millesimi d’Armagnac.

    Cognac e Armagnac sono apparentemente gemelli, dove il secondo figura come il fratello povero, ma questo solo a causa della sua minore notorietà. In effetti siamo di fronte a due grandi distillati che presentano molte somiglianze ma pure differenze sostanziali: in Francia si dice che il primo è seta, il secondo velluto. L’Armagnac gioca la sua pedina vincente negli annali di storia che lo vedono, a buon diritto, la più antica acquavite di Francia. Pur nascendo da uve bianche comuni, molte restano le diversità: Guascogna e Charente le zone di produzione, diverse tecniche di distillazione, invecchiamento in legni differenti.

    Consapevole della “grandeur” dei due nobili distillati, Guy Lheraud non fa preferenze, distilla ed invecchia le due acqueviti nei territori d’origine firmandoli Cognac Lheraud e Bas Armagnac Baron Legrand. In una kermesse assolutamente straordinaria, Alin Ursu, in veste di “maitre de chai”, aprirà le porte del “paradis” per far scoprire a pochi beati la raffinata aristocrazia di vecchi spiriti.

  • Alois Lageder:
    cantina bio & dinamica

    Costo: 20€

    Vini in degustazione:

    • “Porer” Pinot Grigio 2015
    • “Pink Porer” Pinot Grigio 2015
    • “Blatterle” 2013
    • “Forra” bianco 2014
    • “Cason” bianco 2014
    • “Cason” rosso 2014

    Sotto la sinuosa stella cometa, marchio storico della tenuta, compare, in un elegante carattere personalizzato il brand aziendale Alois Lageder. Ma è il millesimo 1823 che lascia intendere, già al primo colpo d’occhio, la storicità di questa bellissima realtà altoatesina giunta alla sesta generazione. In quasi 200 anni diverse personalità si sono succedute ed ognuna ha sviluppato nuove idee e metodi di lavoro che hanno lasciato l’impronta nei vini dell’azienda.

    Se Johann Lageder fu il capostipite della dinastia, 5 furono gli Alois che lo seguirono visto che, per tradizione, ogni primogenito maschio doveva essere battezzato con questo nome. Alla fine degli anni Settanta Alois IV prese le redini dell’azienda e imboccò senza indugio la strada della qualità, convinto che l’Alto Adige vinicolo avesse un potenziale inespresso. I primi anni 90, in tempi non ancora sospetti, lo vedevano già precursore della filosofia biologico-dinamica, sosteneva la necessità di tornare ad una coltivazione rispettosa dei cicli naturali e della biosfera, puntava il dito sull’importanza della biodiversità.

    Alois Clemens, che rappresenta la sesta generazione, condurrà questo interessante workshop dove illustrerà le “nuove frontiere” della tenuta, le sperimentazioni su antiche varietà, i progetti per la ricerca e la divulgazione dell’agricoltura biologico-dinamica.

    Per concludere questo interessante laboratorio abbiamo trovato in Trota Oro il partner ideale che con Alois Lageder condivide la territorialità ed il rispetto dell’ambiente, condizione imprescindibile per ottenere una materia prima sana e di altissima qualità. Trota Oro alleva nelle limpide e fresche acque del Parco Naturale Adamello Brenta trote, salmerini alpini e coregoni che, lavorati seguendo antichi metodi con ingredienti di montagna, divengono ingredienti unici per squisite ricette di ristoranti stellati.
    Due deliziose portate, confezionate espresse da uno chef e spiegate dal produttore, saranno servite in perfetto marriage con i vini Alois Lageder: Tartare di trota affumicata e il suo caviale, burrata, passion fruit e pistacchio e Salmerino affumicato su cous cous alla barbabietola, yogurt e bottarga di trota.

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy. ×
Grazie